Ma...da dove spunta questo livido?

5.11 ecchimosi

Vi è mai capitato di essere sotto la doccia e, mentre vi state lavando, scoprite un livido che non sapete da dove arrivi? E proprio non siete in grado di ricordare cosa diavolo sia successo? Benvenuti nella mia vita e nella vita di quelle persone che si “ammaccano” facilmente.

Ci sono una serie di motivi per cui si è più sensibili alle echimosi di altri: i lividi non sono altro che il risultato di anomalie che colpiscono i vasi sanguigni a causa di disturbi emorragici, che possono essere causati dai farmaci che stiamo assumendo o, semplicemente, perché abbiamo una pelle più sottile e delicata.
Un livido è una raccolta di sangue sotto la pelle, che gli conferisce quella visibile tonalità viola. È il risultato del sangue che fuoriesce dai vasi circostanti e svanisce quando il corpo lo riassorbe.

Le contusioni appaiono raramente per caso: ogni giorno possiamo sperimentare piccoli infortuni, come sbattere il braccio contro la porta mentre camminiamo, episodi che spesso non ricordiamo. Le contusioni non si rivelano spontaneamente in individui sani.

Se non si soffre di una condizione specifica che potrebbe portare a contusioni e lividi, gli esperti dicono che ci sono alcuni “colpevoli” molto più comuni, quali:

Una carenza di vitamina C
Gli esseri umani non sono in grado di produrre da soli grandi quantità di vitamina C. Segni di carenza di vitamina C includono facilità ai lividi, bassi livelli di ferro e gengive sanguinanti. Aumentare l'assunzione di agrumi tra cui arance, limoni, limoni e pompelmi e altri frutti come fragole, kiwi, ananas, meloni, lamponi e papaia aiuta. Per assicurarci di ottenere la nostra vitamina C da questi agrumi, ricordiamoci di consumare la fibra nella buccia, poiché le bucce contengono da cinque a dieci volte più vitamine del frutto stesso.

Farmaci
Alcuni integratori e farmaci anti-infiammatori non steroidei (come l'aspirina), fluidificanti del sangue e steroidi possono aumentare la probabilità di lividi e sanguinamento perché interferiscono con la naturale capacità del sangue di coagularsi. In alcuni casi questi farmaci paralizzano le piastrine (quegli elementi nel sangue che aiutano a prevenire eccesso di sanguinamento dopo una lesione), causando emorragie e lividi.

Pelle danneggiata
Parte del lavoro della pelle e dei tessuti sottostanti alla pelle è il mantenimento dell'integrità dei vasi sanguigni e della rete di grasso e tessuto che li coprono. Tutto ciò che li danneggia – come il fumo o una esposizione troppo elevate al sole - può alla fine rendere i tessuti più fragile. Essi non proteggeranno più i vasi sanguigni, e ci renderanno più inclini alle contusioni.

Età
Invecchiando, la nostra pelle diventa più sottile e perde un po’ dello strato grasso protettivo che aiuta a proteggere i nostri vasi sanguigni da lesioni e, quindi, lividi. Dal momento che non esiste un vero pozzo dei desideri dove andare a chiedere di fermare il tempo, è bene stabilire una routine salutare per la cura della pelle il prima possibile. Anche il mantenimento di una buona routine di esercizio fisico aiuta. Il sudore creato dal movimento aiuta all’apertura dei pori e disintossicazione.

Esposizione solare
Sottoponendo la pelle a anni di esposizione al sole senza protezione, può sicuramente indebolire le pareti dei vasi sanguigni e il tessuto cutaneo, il che contribuisce a un tipo di lividi noto come porpora senile, quelle macchie viola che spesso si manifestano sul dorso delle mani e degli avambracci. L'uso della protezione solare può aiutare a prevenire questi spiacevoli segni di invecchiamento.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo




Copyright 2018 wellnest.live
Lanzacastiglioni Srls, Milano - Italy 
P.IVA/CF: 10190350966

Hai bisogno di aiuto?